730-2015: bonus 80 euro anche con imposta zero

(…) l’incapienza del contribuente non necessariamente porta all’inapplicabilità del credito, ma solo quell’incapienza che deriva dalle detrazioni da lavoro dipendente. Semplificando ulteriormente:vengono esclusi dal bonus solo quei contribuenti la cui imposta lorda risulti inferiore alle detrazioni da lavoro dipendente; viceversa qualora l’imposta lorda fosse azzerata da altre detrazioni – vedi ad esempio quelle per i familiari a carico – il bonus verrebbe comunque applicato.

http://aclicolfonline.blogspot.it

Società estinte. Nulli gli atti del Fisco.

L’atto di accertamento emesso nei confronti di una società estinta va considerato nullo. E questo anche per le società cancellate nei cinque anni precedenti all’entrata in vigore del Dlgs 175/2014. Lo stabilisce la sentenza 5/02/2015 della Ctp Reggio Emilia (presidente e relatore Crotti), depositata ieri. La pronuncia sconfessa quanto affermato nella circolare 31/E/2014.

www.quotidianodiritto.ilsole24ore.com

E-commerce: l’IVA è dovuta nel luogo ove il committente è stabilito ovvero ha il domicilio o la residenza.

D.Lgs. 31.3.2015, n. 42
È stato pubblicato sulla G.U. 18.4.2015, n. 90 il Decreto che recepisce la Direttiva comunitaria n. 2006/112/CE modificando la disciplina IVA, applicabile alle operazioni effettuate dall’1.1.2015, dei servizi di telecomunicazione e teleradiodiffusione nonché del c.d. “e-commerce”.
In particolare per tali servizi resi nei confronti di privati UE l’IVA è “ancorata” al luogo di stabilimento del committente.

www.cartello.it

Il nuovo Decreto Legislativo sostituisce le lettere f) e g) dell’articolo 7-sexies del D.P.R. n. 633/72 e sopprime le lettere h) ed i) del successivo articolo 7-septies e inoltre riscrive l’articolo 74-quinquies (dedicato alle imprese extra Ue che già applicavano un’analoga procedura per l’e-commerce), introducendo gli articoli
74-sexies, septies e octies.

La Cassazione: “Legittimo l’utilizzo della lista Falciani”

I dati della lista Falciani sono utilizzabili nell’accertamento tributario in quanto l’amministrazione finanziaria nel contrasto all’evasione fiscale può avvalersi di qualsiasi elemento con valore indiziario, con la sola esclusione di quelli la cui inutilizzabilità discenda da una disposizione di legge o siano stati acquisiti in violazione di un diritto del contribuente.

È questo il principio affermato dalla Corte di cassazione, con le ordinanze 8605 e 8606 depositate ieri, con le quali, in tempi brevissimi, viene risolta la questione dell’utilizzabilità delle informazioni estere a favore del fisco.

http://www.quotidianodiritto.ilsole24ore.com

730/2015: Bonus irpef 80 euro per colf e badanti, il recupero avviene con la dichiarazione

Con il 730/2015 i lavoratori dipendenti possono conguagliare il bonus irpef di 80 euro che hanno percepito mensilmente in busta paga, richiedendo la differenza non percepita o restituendolo in caso di erogazione non spettante. Una particolare categoria di lavoratori non ha però ancora percepito nulla di quanto gli spettava in relazione al bonus irpef di 80 euro mensili previsto dal governo Renzi per l’anno 2014: sono i lavoratori addetti ai servizi domestici: colf, badanti e baby sitter.

http://it.blastingnews.com

Consulenza fiscale e patrimoniale